La figura dell’”Organismo di diritto pubblico” è stata introdotta per assoggettare gli atti compiuti da un ente – solo formalmente privato – al regime degli atti amministrativi (tanto sul piano sostanziale, che su quello processuale) con conseguente giurisdizione del giudice amministrativo. L’art. 3 D.Lgs.n. 163/2006 definisce come tale qualsiasi ente, anche in forma societaria, istituito

Leggi ancora…

La sentenza in commento affronta la problematica circa il possesso dei requisiti di capacità economica e tecnica in materia di consorzi stabili ex art. 36 D.Lgs.n. 163/06 ed, in particolare, se tali requisiti debbano ricercarsi in capo al Consorzio “nel suo complesso”, ovvero nei confronti delle singole consorziate “indicate” (quelle che effettivamente svolgeranno poi l’attività

Leggi ancora…

La sentenza in commento affronta il tema riguardante i limiti di discrezionalità delle stazioni appaltanti in merito alla predisposizione dei criteri di valutazione delle offerte di gara. In una gara indetta dall’ASR Liguria avente ad oggetto la fornitura di dispositivi medici veniva contestata la decisione della stazione appaltante d’escludere una concorrente sulla base di un

Leggi ancora…

L’interessante pronuncia in oggetto affronta il tema riguardante gli eventuali problemi attinenti alla trasmissione delle domande di partecipazione e di presentazione delle offerte in modalità telematica. L’Azienda di Desio e Vimercate aveva indetto una gara per la fornitura di diagnostici per la determinazione dei markers sierologici utilizzando la piattaforma informatica SINTEL, ma purtroppo una società

Leggi ancora…

L’Azienda ULSS n.19 di Adria indiceva una procedura ristretta per l’affidamento del servizio di pulizia e sanificazione di alcune aziende sanitarie, ma l’aggiudicazione veniva contestata in quanto la ditta aggiudicataria avrebbe rilasciato dichiarazioni ex art. 38 D.Lgs.n. 163/2006 in cui il dichiarante autocertificava il possesso di requisiti d’ordine generale relativamente a soggetti terzi, utilizzando l’espressione

Leggi ancora…

La Corte dei Conti Lombardia, con la pronuncia del 20/5/2014 n. 178, interviene sul problema dell’applicabilità della disciplina dell’evidenza pubblica in caso di conferimento d’incarico ad un libero professionista da parte di una Pubblica Amministrazione. Un ente comunale chiedeva se tale tipologia d’incarico, nello specifico quello di psicologo-psicoterapeuta in materia di tutela dei minori, dovesse

Leggi ancora…

Consiglio di Stato, sez. III° 10/12/2013 n. 5927 Costituisce questione molto dibattuta il tema delle dichiarazioni sostitutive che attestano il possesso dei requisiti di moralità (art. 38 c. 1° Codice appalti), con particolare riferimento alle ipotesi in cui il partecipante abbia il possesso dei suddetti requisiti ma non provveda a comunicarli o lo faccia in

Leggi ancora…