Con l’ordinanza n.1 del 15 gennaio 2015, il Consiglio di Giustizia amministrativo per la Regione Siciliana ha rimesso all’esame della CGUE le seguenti questioni di corretta interpretazione del diritto dell’Unione europea: 1) se gli artt. 47 e 48 della direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, relativa al coordinamento delle

Leggi ancora…

Il Veneto ha istituito il “Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità” (CRAS) quale centrale di committenza regionale, preposto all’indizione ed espletamento delle procedure di gara valevoli per tutte le amministrazioni sanitarie della Regione, affidandone la gestione operativa all’Azienda Ospedaliera di Padova. Veniva tuttavia contestata, in una gara indetta dal CRAS per il servizio di brokeraggio

Leggi ancora…

E’ causa relativamente all’affidamento dei servizi interni (attività infermieristica, pulizia e sanificazione, predisposizione pasti, lavanderia, vigilanza ecc.) di una Casa di Riposo comunale, di cui si chiedeva l’annullamento in quanto l’aggiudicataria non avrebbe dimostrato il possesso di alcuni requisiti, poichè la sua ausiliaria gliene aveva inizialmente prestato alcuni salvo poi, su richiesta della stazione appaltante,

Leggi ancora…

La figura dell’”Organismo di diritto pubblico” è stata introdotta per assoggettare gli atti compiuti da un ente – solo formalmente privato – al regime degli atti amministrativi (tanto sul piano sostanziale, che su quello processuale) con conseguente giurisdizione del giudice amministrativo. L’art. 3 D.Lgs.n. 163/2006 definisce come tale qualsiasi ente, anche in forma societaria, istituito

Leggi ancora…

L’Azienda U.L.S.S.n. 3 di Bassano del Grappa, che aveva aderito alla convenzione CONSIP per la fornitura di energia per gli immobili adibiti ad uso sanitario, estendeva l’affidamento alla medesima a.t.i. affidataria della convenzione Consip anche dei servizi di manutenzione agli impianti ed apparecchiature tecnologiche in generale, che non risultavano tuttavia ricomprese nell’oggetto dell’iniziale convenzione. Un’operatrice

Leggi ancora…

L’Azienda Ospedaliero-Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine indiceva una gara per la fornitura di servizi e sistemi di monitoraggio integrato socio-sanitario su pazienti domiciliari, che veniva aggiudicata ad una concorrente, ma la seconda graduata ne impugnava l’esito contestando, tra gli altri, anche la circostanza che l’ausiliaria dell’aggiudicataria non avrebbe rilasciato alcuna dichiarazione ex art.

Leggi ancora…

La sentenza in commento affronta la problematica circa il possesso dei requisiti di capacità economica e tecnica in materia di consorzi stabili ex art. 36 D.Lgs.n. 163/06 ed, in particolare, se tali requisiti debbano ricercarsi in capo al Consorzio “nel suo complesso”, ovvero nei confronti delle singole consorziate “indicate” (quelle che effettivamente svolgeranno poi l’attività

Leggi ancora…