Scatta ufficialmente il fascicolo sanitario elettronico, che rende più semplice per i cittadini l’esercizio del diritto alla salute. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha infatti firmato il regolamento inserito nel quadro della nuova Sanità Digitale. Il fascicolo sanitario elettronico è l’insieme di dati e documenti digitali di tipo sanitario e socio-sanitario generati da eventi

Leggi ancora…

Regolamentare il settore della “Mobile Health” (mHealth), ovvero la pratica della medicina supportata da dispositivi mobili come i palmari e telefoni cellulari mediante l’utilizzo di applicazioni specifiche progettate per finalità mediche (med apps) quali la raccolta di dati clinici, trasmissione di informazioni sullo stato di salute al personale medico o agli stessi pazienti. Nasce con

Leggi ancora…

In caso di violazioni o incidenti informatici il Garante va informato entro 48 ore Le pubbliche amministrazioni che intendono mettere a disposizione delle altre p.a. gli accessi telematici alle proprie banche dati, in attesa della definizione degli “standard di comunicazione e le regole tecniche” da parte dell’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), dovranno adottare le misure

Leggi ancora…

Varate  dal Garante privacy le nuove Linee guida sul dossier sanitario elettronico [doc. web n. 4084632]. Maggiori tutele per i dati dei pazienti, più trasparenza e obbligo per le strutture sanitarie di comunicare immediatamente all’Autorità i cosiddetti data breach (violazioni o incidenti informatici, come attacchi, accessi abusivi, azioni di malware, perdita, furto), che possano avere

Leggi ancora…

Nel corso del 2014 la Giunta Regionale Lombardia ha approvato nuove regole relative al Piano di controllo e Vigilanza delle Usl con particolare attenzione per le Strutture Residenziali. Inizia un percorso già iniziato da alcuni anni che si pone l’obiettivo di dare maggiore importanza al Fascicolo Socio Sanitario. IL FASCICOLO SOCIO SANITARIO Con le nuove

Leggi ancora…

Dopo il Friuli Venezia Giulia e il Trentino Alto Adige, è il momento delle strutture sanitarie dell’Emilia Romagna. Nel corso del 2014, infatti, il Garante ha svolto una ispezione in un importante ospedale di Bologna: nel corso dell’ispezione  i il trattamento di dati dei pazienti effettuato attraverso il Dossier Sanitario Elettronico non è risultato conforme

Leggi ancora…