Si segnala la sentenza perché affronta un tema un po’ diverso dal solito: chi è responsabile per carenze organizzative dell’ospedale e che cosa deve fare il primario ospedaliero ove riscontri tali carenze. Il fatto Nel corso di una nascita presso l’ospedale “Papardo” di Messina i sanitari, omettendo di rilevare i dati pelvimetrici della gestante e

Leggi ancora…

In materia di responsabilità sanitaria, dal 2000 in avanti la giurisprudenza ha sostenuto compatta che il paziente danneggiato può agire nei confronti sia del medico che della struttura sanitaria a titolo di “responsabilità contrattuale”. Con questa sentenza è stata letteralmente capovolta la visione della materia. Vediamo di ricostruire in sintesi in cosa consista questa “rivoluzione”

Leggi ancora…

Il Decreto Legislativo 8/3/2013, n. 39 ha fissato le disposizioni relative ai profili d’inconferibilità ed incompabilità degli incarichi presso le Pubbliche Amministrazioni ed, in particolare, l’art. 8 ha stabilito dette incompatibilità relativamente agli uffici direttivi delle Amministrazioni sanitarie. L’Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC.), che in forza dell’art. 19 D.L. 24/6/2014, n. 90, convertito in Legge 11/8/2014,

Leggi ancora…

Sempre più ampia la responsabilità del medico. La recente Cassazione sopra richiamata stabilisce che il medico risponde delle carenze della struttura in cui opera anche se il contratto è intervenuto solo tra paziente è struttura. Questo il caso. Una paziente – reduce da un recente intervento di raschiamento in anestesia locale – veniva sottoposta preso

Leggi ancora…

Non importa se si è in grado di lavorare per due, nel nostro ordinamento sussiste un divieto inderogabile di cumulo di pubblici impieghi, che impedisce di lavorare simultaneamente alle dipendenze di diverse Pubbliche Amministrazioni. La fattispecie, oggetto della recente pronuncia della Corte dei Conti di Firenze datata 28 maggio 2014, riguarda un medico dipendente dell’Asl

Leggi ancora…

La III Sezione Civile della Corte di Cassazione torna ancora una volta sull’annosa questione della risarcibilità del danno da nascita indesiderata con una pronuncia del tutto innovativa e meritevole di attenzione. Il caso. Una donna, dopo avere appreso del suo stato di gravidanza, viene invitata a seguire un programma di controlli ginecologici, in occasione di

Leggi ancora…