Segnaliamo un corso curato dall’avvocato Ernesto Belisario che si svolgerà a Bologna il prossimo 17 dicembre presso l’NH Hotel de la Gare – P.zza XX Settembre, 2

Il corso esamina il Regolamento in materia di fascicolo sanitario elettronico pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 11 novembre.
L’analisi del provvedimento consentirà di affrontare le principali problematiche giuridiche relative alla dematerializzazione dei documenti sanitari. In particolare:
– la loro validità legale;
– il rapporto con la normativa sulla riservatezza dei dati personali e i provvedimenti del Garante Privacy.

Il corso si rivolge a management delle Aziende Sanitarie, dirigenti, e loro collaboratori, degli Enti del Servizio sanitario nazionale, professionisti sanitari, esperti del settore ICT, software house, cloud provider, fornitori degli enti del SSN.

Il Programma

La dematerializzazione dei documenti. Cenni
• La normativa in materia di digitalizzazione: l’Agenda digitale, il Codice dell’Amministrazione Digitale e le regole tecniche.
• Il documento informatico e le firme elettroniche.
• L’efficacia giuridica dei documenti informatici.

La digitalizzazione dei documenti sanitari
• La sottoscrizione dei documenti sanitari e la loro trasmissione.
• La conservazione nel tempo.
• La tutela della riservatezza e i provvedimenti del Garante Privacy.

La normativa sui documenti sanitari
• Le prescrizioni e i certificati medici telematici.
• I referti on line.
• Il dossier sanitario elettronico.
• La cartella clinica elettronica.

Il fascicolo sanitario elettronico
• I contenuti e le modalità di gestione.
• La tutela della privacy e l’oscuramento.
• Le misure di sicurezza.

Il docente,  l’avv. Ernesto Belisario esperto di diritto delle tecnologie, è componente del tavolo permanente per l’innovazione e l’agenda digitale italiana presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Commissione degli utenti dell’informazione statistica dell’ISTAT.

Per ulteriori informazioni ed iscrizioni visita il sito Maggioli Formazione

 

redazione

La redazione di Appalti&Sanità

Scrivi un Commento

*