Decreto Ministero Salute 22/4/2014

E’ appena stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14/5 u.s. il decreto del Ministero Salute del 22/4/2014 che istituisce il sistema di monitoraggio delle grandi apparecchiature sanitarie in uso presso le strutture sanitarie pubbliche, private accreditate e private non accreditate.

Riprendendo il vecchio decreto 23/12/1996 del Ministero (allora “della Sanità”), che disponeva la rilevazione delle apparecchiature tecnico-biomediche di diagnosi e cure presenti nelle strutture sanitarie, coordinato con l’Accordo-quadro del 22/2/2001 fra lo stesso Ministero e le  Regioni per l’istituzione del “Sistema Informativo Sanitario nazionale” (detto NSIS), tenuto conto altresì tanto dell’art. 117, comma 2° let. r) Cost. – che attribuisce in via esclusiva allo Stato il coordinamento informativo statistico – che del D.P.R. 29/11/2001 recante la “Definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza”, è stato dunque disposto l’obbligo, in capo alle strutture sanitarie pubbliche e private, di censire e monitorare tutte le “grandi apparecchiature sanitarie” in uso presso di loro.

Innanzitutto per “grandi apparecchiature sanitarie” si devono intendere “quelle rilevanti ai fini dell’erogazione dei Livelli Essenziali d’Assistenza”, oltre che “di rilievo economico per il Servizio Sanitario Nazionale” (art. 1) e, considerato come dette definizioni possano non risultare di facile “interpretazione”, ecco allegato un “Disciplinate Tecnico” (alleg. 1), che contiene il 1° Elenco delle grandi apparecchiature oggetto di rilevazione, ovvero:

– TAC

– RMN

– ACCELERATORI LINEARI

– SISTEMI ROBOTIOZZATI PER CHIRURGIA ENDOSCOPICA

– SISTEMI TAC/PET

– GAMMA CAMERE COMPUTERIZZATE

– SISTEMI TAC/GAMMA CAMERE

 

Tutte le strutture sanitarie devono dunque inviare al Ministero, relativamente a ciascuna delle  suddette apparecchiature in dotazione, informazioni relative alle modalità d’acquisto (art. 2) nonché agli aggiornamenti tecnologici effettuati sulle stesse (art. 3) e tale flusso informativo dev’essere completato, relativamente alle strutture pubbliche, entro la fine del corrente anno (31/12/2014), mentre per le strutture private accreditate entro il 31/12/2015 e per quelle non accreditate entro il 31/12/2016.

 

Allegato: Disciplinare Tecnico

 

redazione

La redazione di Appalti&Sanità

Scrivi un Commento

*