L’ASL di Avezzano-Sulmona aveva aggiudicato i servizi integrati per la gestione delle apparecchiature elettromedicali mediante adesione alla convenzione CONSIP, con scadenza il 30/9/2012, ed all’entrata in vigore del D.Ln. 94/2012, convertito poi in legge il 7/8/2012, n. 135, aderiva alla facoltà concessa dall’art. 1, comma 15° di detta L.n. 135/2012, secondo cui le convenzioni in essere alla data di sua entrata in vigore potevano essere prorogate (di pari importo e quantità) purchè fossero in scadenza (dette convenzioni) entro il 31/12/2012.

Un operatore economico del settore contestava tuttavia la legittimità di tale proroga, ritenendola di fatto un vero e proprio “affidamento senza gara” in violazione dei principi comunitari in materia di procedure concorsuali, ed il TAR Abruzzo gli ha dato piena ragione.

Secondo il giudice amministrativo, infatti, l’ordinamento comunitario risulta assolutamente contrario alle proroghe previste dall’art. 1 della 2 Spending Review e pertanto dette proroghe vadano disapplicate ex lege, come prevedono la Corte Costituzionale e la Corte di Giustizia.

Gli affidamenti diretti sono infatti possibili, secondo i dettami delle direttive comunitarie, solo in casi espressamente stabiliti (artt. 30 e 31 della Direttiva unica), che nulla hanno a che vedere con le proroghe introdotte dalla L.n. 135 del 2012, che di conseguenza si configurano in aperto contrasto con il diritto comunitario.

Nella citata sentenza vengono peraltro richiamate alcune precedenti pronunce conforme del Consiglio di Stato (n. 1486 e 1793 del 2014), entrambe commentate su questo sito (vds. 31 marzo e 22 aprile 2014), chiarendo altresi’ come la natura transitoria ed eccezionale della 2°  Spending Review, anche se finalizzata al risparmio della spesa pubblica, non rappresenta comunque una giustificazione sufficiente a distorcere le regole commerciali.

ALLEGATO
T.A.R. Abruzzo 5/6/2014, n. 515

Andrea Stefanelli

L'avv. Andrea Stefanelli è contitolare dello Studio Legale Stefanelli&Stefanelli in Bologna (www.studiolegalestefanelli.it). E’ iscritto all’Ordine degli Avvocati del Foro di Bologna ed all’Albo dei Cassazionisti a Roma. Si è sempre occupato, nel corso della sua attività professionale, di diritto amministrativo ed, in particolare, di contrattualistica pubblica e di diritto degli appalti. E' stato relatore in moltissimi convegni, workshop e seminari.Collabora con continuità alle riviste TELEXANIE (Confindustria) e TEME (Rivista degli Provveditori Economi in Sanità). Patrocina la difesa di molte società avanti i TT.AA.RR. periferici ed il Consiglio di Stato.

Scrivi un Commento

*