Il Veneto ha istituito il “Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità” (CRAS) quale centrale di committenza regionale, preposto all’indizione ed espletamento delle procedure di gara valevoli per tutte le amministrazioni sanitarie della Regione, affidandone la gestione operativa all’Azienda Ospedaliera di Padova.

Veniva tuttavia contestata, in una gara indetta dal CRAS per il servizio di brokeraggio assicurativo, la composizione della Commissione Giudicatrice in quanto due commissari sarebbero risultati “estranei” all’Azienda Ospedaliera di Padova, ma il Consiglio di Stato ha negato la fondatezza di tale contestazione sul presupposto che la gara, ancorchè indetta dall’A.O. padovana, in realtà è volta alla stipula di polizze assicurative destinate a tutte le aziende sanitarie regionali.

L’art. 84, comma 8° D.Lgs.n. 163/2006 impone infatti l’obbligo di nominare i componenti dell’Organo Tecnico all’interno dell’amministrazione che appalta, ma detto articolo dev’essere correttamente interpretato in combinato disposto con l’art. 3, comma 34 del medesimo D.Lgs. (relativo alle centrali di committenza), ragion per cui al criterio “letterale” deve sostituirsi quello “teleologico” che vede il prevalere della scelta dei Commissari fra i funzionari delle diverse Amministrazioni che potranno usufruire delle convenzioni stipulate dalle Centrali di committenza, piuttosto che unicamente fra quelli della P.A. che materialmente esperisce la gara (in termini anche Cons.St., 28/3/2014, n. 1498).

Nel caso di specie, quindi, la circostanza che due commissari siano stati scelti tra funzionari delle PP.AA. venete (che beneficeranno effettivamente della convenzione per la copertura assicurativa) anzichè fra quelli della sola Azienda Ospedaliera di Padova, non può comportare alcuna violazione dell’art. 84, la cui ratio è quella di privilegiare l’indicazione di commissari selezionati fra i funzionari della P.A. appaltante ragion per cui, quando la stazione appaltante è una Centrale di committenza regionale, è giustificata l’individuazione di detti Commissari fra tutte le amministrazioni che vi aderiscono.

ALLEGATO
Consiglio Stato, sez. III°, 12/12/2014, n. 6114

 

Andrea Stefanelli

L'avv. Andrea Stefanelli è contitolare dello Studio Legale Stefanelli&Stefanelli in Bologna (www.studiolegalestefanelli.it). E’ iscritto all’Ordine degli Avvocati del Foro di Bologna ed all’Albo dei Cassazionisti a Roma. Si è sempre occupato, nel corso della sua attività professionale, di diritto amministrativo ed, in particolare, di contrattualistica pubblica e di diritto degli appalti. E' stato relatore in moltissimi convegni, workshop e seminari.Collabora con continuità alle riviste TELEXANIE (Confindustria) e TEME (Rivista degli Provveditori Economi in Sanità). Patrocina la difesa di molte società avanti i TT.AA.RR. periferici ed il Consiglio di Stato.

Scrivi un Commento

*