Una cooperativa sociale viene esclusa dalla procedura indetta dall’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord per il servizio di trasporto sanitario ed aperta alle sole associazioni di volontariato ed impugna detta estromissione sul presupposto che, essendo ammesse a partecipare alla gara, oltre alle “associazioni di volontariato di pubblica assistenza [.]”, anche “altre associazioni di volontariato“, a suo parere le cooperative sociali possono a pieno titolo  essere ricomprese in quest’ultima categoria.

Di diverso avviso è invece il Consiglio di Stato secondo cui, sebbene effettivamente sussistano “affinità e similitudini” fra le cooperative sociali e le associazioni di volontariato, tuttavia mentre queste ultime si caratterizzano per il carattere spontaneo e gratuito della propria attività, che dev’essere assolutamente priva di qualsivoglia profilo di lucro (anche indiretto ed anche a favore dei propri affiliati), al contrario le cooperative sociali, oltre ad avere un carattere piu’ “duraturo” rispetto all’attività dei suoi soci, si caratterizzano soprattutto per il fine mutualistico di soddisfacimento dei bisogni dei propri soci (in quanto persone svantaggiate ecc.).

Se dunque vi è un’affinità tra queste due diverse forme societarie, detta si può rinvenire in alcuni aspetti di carattere fiscale e tributario, il che tuttavia non consente di superare la previsione normativa (art. 7 L.n. 266/191) che esplicitamente dispone, in deroga alle prescrizioni generali in materia di appalti, la possibilità per lo Stato, le Regioni, gli Enti Locali e gli altri Enti Pubblici d’indire procedure concorsuali d’appalto a cui possono partecipare esclusivamente organizzazioni di volontariato, consentendo di conseguenza la partecipazione a dette gare anche alle cooperative sociali.

Ala luce di queste considerazioni, dunque, il Consiglio di Stato ha confermato la validità del provvedimento esclusorio assunto dall’A.O. Ospedali Riuniti Marche Nord.

Vedi:
La sentenza: Consiglio Stato III 16/10/2013, n. 5035

 

redazione

La redazione di Appalti&Sanità

Scrivi un Commento

*