Ord. T.A.R. Trento, 7/6/2013 n. 103

L’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento ha aggiudicato una pubblica gara ad una società con sede legale negli Stati Uniti d’America, ma la seconda classificata ha impugnato tale aggiudicazione sostenendo che la società americana non avrebbe potuto partecipare alla gara in quanto non sussisterebbero, in U.S.A. le condizioni di reciprocità con l’Italia ed il TAR Trento, seppure in sede cautelare, ha accolto tale eccezione riconoscendo come, ai sensi dell’art. 47 del Codice appalti, è ammessa in Italia la partecipazione ai pubblici incanti solo da parte di operatori economici con sede nei Paesi firmatari dell’accordo sugli appalti pubblici previsto dagli accordi istitutivi del W.T.O. (Organizzazione mondiale del commercio) che prevedono condizioni di reciprocità, condizioni che tuttavia non parrebbero sussistere nel caso degli U.S.A., ragion per cui si motiva la giusta esclusione dalla gara della società americana.

redazione

La redazione di Appalti&Sanità

Scrivi un Commento

*