[Ord. TAR Roma, sez. III-quater, 20/9/2013, n. 8375]

 

La Regione Lazio, le AA.SS.LL. di Roma (102, 104,. 105 106, 107 e 108) e quella di Latina, le AA.OO. San Camillo-Forlanini, San Giovanni-Addolorata, San Filippo Neri, Sant’Andrea e la Fondazione Tor Vergata, nonché il Policlinico Umberto I, avendo aderito alla gara centralizzata indetta per l’aggiudicazione della fornitura di pacemaker e defibrillatori automatici impiantabili per tutte le aziende sanitarie del Lazio, si opponevano – per ragioni di “segretezza imprenditoriale” – alla richiesta d’accesso integrale all’offerta tecnica dell’aggiudicataria di alcuni lotti formulata, in corso di giudizio d’impugnazione, da una ricorrente.

Considerato che relativamente al diritto d’accesso alla documentazione di gara l’art. 13 del D.Lgs.n. 163/2006 si pone quale norma di rango “speciale” rispetto agli artt. 22 e segg. della L.n. 241/90 e che il medesimo art. 13, se da un lato prevede (comma 5°, lett a) l’esclusione d’accesso a quella documentazione che costituisce “segreti tecnici o commerciali”, dall’altro tuttavia (comma 6) prevede che “comunque” tale accesso debba essere concesso in ragione di una difesa giudiziale.

Alla luce pertanto di queste considerazioni il TAR Roma, in sede cautelare, ha imposto l’obbligo alle amministrazioni resistenti di consentire il totale accesso a tutte la documentazione tecnica dell’aggiudicataria e ciò in ragione del fatto che, allorquando si partecipa ad una pubblica gara, per ciò stesso si pone la propria offerta al di fuori di quella “sfera di dominio riservato” dell’impresa medesima; a ciò si aggiunga poi come la stessa offerta tecnica è oggetto – in gara – di valutazione e confronto con le proposte tecniche delle altre concorrenti, ragion per cui è giusto e legittimo consentire, ad una concorrente che ha proposto ricorso avverso l’esito del procedimento di gara, di avere pieno acceso a quell’offerta tecnica che ha contribuito a determinare (appunto) tale esito.

ALLEGATO:
Il testo integrale dell’Ordinanza del  TAR Roma 8375/2013

 

redazione

La redazione di Appalti&Sanità

Scrivi un Commento

*