Consiglio di Stato, III°, 27/3/2014, n. 1486

L’Azienda Sanitaria Locale n. 7 di Carbonia ha affidato, senza gara, l’appalto per i servizi integrati di gestione delle apparecchiature elettromedicali in forza del disposto della cd. “Spending Review 2”, che consente il rinnovo automatico delle adesioni CONSIP in essere.

L’art. 1, comma 15°  D.L.n. 95/2102, convertito in L.n. 135/2012 stabilisce infatti che i quantitativi o gli importi delle convenzioni CONSIP possano essere “incrementati, in misura pari alla quantità ovvero all’importo originario, a decorrere dalla data di esaurimento della convenzione stessa [.]” (che, per legge, vengono prorogate al 30/6/2013) e l’art. 15, comma 13° dispone,        in capo agli enti del S.S.N., l’obbligo d’utilizzare per i loro acquisti gli strumenti messi a disposizione da CONSIP ovvero, se disponibili, dalle centrali di committenza regionali.

Detto questo, venivo impugnato l’affidamento senza gara disposta dall’ASL n. 7 ed il TAR Sardegna riteneva illegittima tale proroga, in quanto disposta in violazione dei principi comunitari.

Il Consiglio di Stato, investito del gravame, ha confermato l’illegittimità del rinnovo ex lege  in quanto ciò configurerebbe un vero e propria “trattativa privata” ovvero, piu’ correttamente, una procedura negoziata – con o senza pubblicazione del bando – totalmente al di fuori, tuttavia,  dei casi espressamente previsti dagli artt. 30 e 31 della Direttiva CE/2006/18.

Pertanto il rinnovo delle convenzioni CONSIP disposto per legge si pone in violazione del diritto comunitario, e la natura provvisoria ed emergenziale delle norme della cd. “spending review” non risultano affatto sufficienti a giustificare tanto la violazione della normativa comunitaria quanto le le regole generali in materia di tutela della concorrenza.

Andrea Stefanelli

L'avv. Andrea Stefanelli è contitolare dello Studio Legale Stefanelli&Stefanelli in Bologna (www.studiolegalestefanelli.it). E’ iscritto all’Ordine degli Avvocati del Foro di Bologna ed all’Albo dei Cassazionisti a Roma. Si è sempre occupato, nel corso della sua attività professionale, di diritto amministrativo ed, in particolare, di contrattualistica pubblica e di diritto degli appalti. E' stato relatore in moltissimi convegni, workshop e seminari.Collabora con continuità alle riviste TELEXANIE (Confindustria) e TEME (Rivista degli Provveditori Economi in Sanità). Patrocina la difesa di molte società avanti i TT.AA.RR. periferici ed il Consiglio di Stato.

Scrivi un Commento

*