Il Consiglio di Stato con ordinanza cautelare 17 giugno 2015 n. 2672 ha sospeso il pagamento della sanzione pecuniaria per la FNOMCeO ma ha confermato l’impianto giuridico sancito dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. “Anche il Consiglio di Stato conferma il nostro impianto difensivo e ribadisce un fermo no ad interventi da parte degli

Leggi ancora…

Con la sentenza n.4349 del 1° aprile, il TAR del Lazio, confermando la linea dell’Agcom, ha ritenuto che il Codice di Deontologia Medica abbia illegittimamente introdotto dei limiti alla pubblicità sanitaria non compatibili con il quadro normativo attuale. Il provvedimento stabilisce che, sia la pubblicità promozionale che la pubblicità comparativa sono lecite, e non possono

Leggi ancora…

L’AGCM si è espressa in materia di concorrenza e pubblicità sanitaria. Si tratta di un provvedimento storico ed atteso (nr. 2507/2014 pubblicato sul Bollettino 37/2014) con cui AGCM ha pesantemente sanzionato la FNOMCeP stabilendo che le norme in materia di pubblicità sanitaria contenute nel precedente Codice Deontologico – ed altresì nel nuovo codice approvato a

Leggi ancora…

Corte di cassazione – Sezione II civile – Sentenza 23 aprile 2014 n. 9227 Gestire bene un processo e scrivere una buona sentenza è difficile. Lo stanno imparando lentamente anche gli ordini professionali in materia di sanzioni in ambito di pubblicità sanitaria. Ormai questa è la terza sentenza dall’inizio dell’anno – tutte commentate in questa

Leggi ancora…

Chi si occupa di pubblicità sanitaria certamente ricorda la “famosa” sentenza del Direttore Sanitario di Vitaldent sospeso per 6 mesi dall’Ordine di La Spezia. Fu il primo caso di assunzione di una sanzione così “pesante” per una questione di pubblicità in ambito sanitario. Oggi è, per la seconda volta, la Cassazione è intervenuta su questo

Leggi ancora…

Cassazione Civile 17 gennaio 2014 n. 870 L’accertamento della ingannevolezza o meno della pubblicità sanitaria spetta alla Commissione Medica e/o Odontoiatrica degli Ordini professionali: lo dice chiaramente  l’art. 2 legge 248/2006 (c.d. Decreto Bersani). Ma nulla si dice circa le modalità per  effettuare tale controllo Sino ad ora gli Ordini hanno per lo più svolto

Leggi ancora…