Dopo qualche tribolazione e rilevanti modifiche, torna la mediazione obbligatoria per i risarcimenti da responsabilità medica.

Venuta meno con la sentenza Corte Costituzionale 272/2013  l’obbligatoriatà della mediazione, l’istituto era, in generale, collassato (si veda articolo su questo sito 17 giugno 2013 ).

Reintrodotta tramite il DL 69/2013 (Decreto Fare), diventa oggi legge a tutti gli effetti attraverso la conversione nella legge 98/2013, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 20 agosto 2013 – Suppl 63.

Tenuto fermo l’impianto generale della legge 28/2010 vediamo in sintesi le principali novità che interessano le mediazioni in materia di responsabilità medica, le quali – per lo più – cercano di dare una risposta alle numerose critiche sollevate nei confronti del nuovo istituto

Primo incontro

Cambia radicalmente la funzione del primo incontro tra le part, che potremmo definire a questo punto “incontro preliminare ante-mediazione”

La nuova legge prevede infatti che in questa sede infatti  il mediatore, dopo aver esposto alle parti le finalità e le regole del procedimento di mediazione, invita le parti stesse ad esprimersi sulla possibilità di andare avanti e (quindi)di “iniziare” la procedura di mediazione: solo in presenza di riscontro positivo si prosegue con la mediazione vera e propria.

Se poi in questo incontro le parti dichiarano di non voler proseguire il procedimento, nessun compenso  sarà dovuto all’Organismo di mediazione.

In linea di principio chi scrive ritiene che tale nuova procedura sia, complessivamente, positiva.

Trovare un accordo richieder tempo ed energia per tutti: per il mediatore e per le parti;

se chi si siede al tavolo della mediazione non ha alcuna intenzione di lavorare per trovare un accordo, meglio evitare inutili perdite di tempo.

Senza dubbio però la previsione di nessun compenso rappresenterà un problema economico per gli Organismi.

Competenza territoriale

Diversamente da prima, oggi la domanda di mediazione dovrà seguire le regole della competenza processuale:  vale a dire che la richiesta dovrà essere presentata presso un Organismo nel luogo del giudice territorialmente competente per la controversia.

Se (senza dubbio) tale limitazione evita mediazioni incardinate in località scelte in via strumentale (di cui peraltro chi scrive pur occupandosi di mediazioni non ha mai avuto notizia), dall’altra parte, però, creerà problemi a quegli Organismi che avevano fatto scelte di specializzazione circa le materie di competenza, e che non possono avere estensione su tutto il territorio nazionale

Vedremo come la disciplina verrà applicata

Mediazione delegata

il giudice può oggi decidere di mandare le parti in mediazione, anche senza il loro consenso, mentre prima occorreva che le parti fossero d’accordo.

La modifica lascia un po’ perplessi: che mediazione potranno raggiungere soggetti che non manifestano neanche una disponibilità di massima ad andare in mediazione?

Casi di non applicazione

Non si applica la mediazione nei casi di cui all’art. 696 bis c.p.c.. Tale profilo peraltro era già stato stabilito dalla giurisprudenza.

Durata

La durata del procedimento si riduce da 4 a 3 mesi salvo diversa volontà delle parti in vista di un possibile accordo. Il termine non è soggetto alla sospensione feriale.

Assistenza

La legge prevede l’obbligo della parte di farsi assistere da un avvocato durante il procedimento.

Questa è senza dubbio la novità più rilevante, che cambia la prospettiva anche per i molti avvocati che hanno osteggiato la mediazione.

In materia di responsabilità medica cambia poco in quanto solitamente le parti vengono accompagnate da un avvocato

Da ultimo.

Per valutare l’efficacia o meno dell’istituto l’obbligatorietà avrà vigore solo per 4 anni: poi si deciderà. La nuova disciplina entra in vigore il 20 settembre.

 

Silvia Stefanelli

L’avv. Silvia Stefanelli è contitolare dello Studio Legale Stefanelli&Stefanelli in Bologna (www.studiolegalestefanelli.it). • E’ iscritta all’Ordine degli Avvocati del Foro di Bologna ed all’Albo dei Cassazionisti a Roma. • E’ altresì iscritta all’albo dei Pubblicisti dell’Ordine dei Giornalisti di Bologna. • Ha il titolo di mediatore ex D.Lgs. 28/2010. Si è sempre occupata nel corso della sua attività professionale di diritto sanitario, ed in particolare di sanità privata (ambulatori, responsabilità medica, pubblicità sanitaria, contrattualistica ) e di prodotti di area sanitaria (farmaci, dispositivi medici, cosmetici). Ha particolare competenza nella disciplina dei dispositivi medici a livello nazionale, comunitario ed internazionale. E’ membro del Comitato Scientifico dell’Associazione di Medici-Legali e Giuristi Melchiorre Gioia e responsabile dell’Organismo di mediazione MG Mediation Ha rivestito il ruolo di Presidente della XV Sottocomissione Esami per Avvocato – Corte Appello Bologna 2007-2008. Collabora con numerose riviste di settore tra cui Il Sole 24 Ore – Sanità, Rassegna di Diritto Farmaceutico, TelexAnie. Dall’anno 2010 è direttore responsabile della Rivista on line www.sapereeconsumare.it Collabora con continuità alle riviste one-line www.ildentale.it, www.teme.it E’ autore o coautore delle seguenti pubblicazioni: • I Dispositivi Medici - in “ Le leggi dell’ospedale ” Editore Piccin (2009), • La responsabilità professionale in Odontoiatria: riflessioni Giurisprudenziali e Casistica - in • RIS in Rivista Italiana di Stomatologia n. 1/2009; • Linee Guida per la Corretta pubblicità ai consumatori nel settore ottico - Edizione Fabiano Group S.r.l. (2008); • Dispositivi Medici e Assicurazione di Qualità – Edizione Masson (1998); • ha tradotto e adattato “Notice to applicans” distribuita su floppy-disk in allegato a “Panorama della Sanità – speciale farmaci n. 2” – febbraio 1996; • La libera circolazione dei prodotti farmaceutici – Collana l’Europa del Farmaco – Edizioni Cidas – 1996. E’ docente e relatrice in numerosi seminari e convegni in materia sanitaria.

Scrivi un Commento

*